header

romanodelnord1

Il professor Romano Del Nord, ordinario di Tecnologia dell’Architettura dell’Ateneo di Firenze, è deceduto il 6 maggio scorso, prematuramente e improvvisamente, per l’aggravarsi di una malattia che lo aveva colpito in quest’ultimo anno e alla quale aveva fatto fronte con grande coraggio.
Nato a Manfredonia il 6 gennaio 1947, aveva studiato a Firenze laureandosi con Pierluigi Spadolini che subito ne aveva apprezzato la perspicacia, la capacità di analisi dei problemi e di intuizione, unita a metodo nella loro soluzione. Già nel 1980 entrò nel ruolo di professore ordinario di Tecnologia dell’Architettura, con il riconoscimento della comunità scientifica nazionale del suo fondamentale contributo alle discipline tecnologiche. Erano gli anni della ricerca sull’edilizia sociale e sanitaria in particolare, sulla industrializzazione dell’edilizia e sulla progettazione di sistemi. La scuola fiorentina di Tecnologia dell’Architettura (allora integrata con il Design e rappresentata da Spadolini, Cetica, Segoni, König, Mucci, Felli, Zaffagnini) ha trovato da subito in Romano Del Nord un ricercatore e un docente di riferimento capace di allargarne i confini e affermarne un ruolo a livello nazionale e internazionale.
Romano Del Nord è stato persona capace di compenetrare ad alto livello la ricerca scientifica, l’impegno accademico e quello professionale, costituendo così con la sua personalità un esempio di come queste tre dimensioni si intendano fortemente connesse.
È stato tra gli ispiratori e fondatori della Società Italiana di Tecnologia dell’Architettura a cui ha dedicato il suo impegno nella ricerca di una valorizzazione delle relazioni tra mondo accademico e mondo produttivo e professionale.
Ha svolto numerose ricerche per importanti e qualificati committenti e ha ricoperto ruoli di rappresentanza e consulenza per istituzioni di livello nazionale ed internazionale. Per il MIUR ha condotto una ricerca per la definizione di standard normativi e di modelli di calcolo del fabbisogno di edilizia universitaria e scolastica e per il Ministero della Salute ha svolto una ricerca sul tema della umanizzazione delle strutture ospedaliere. E' stato componente dell’Osservatorio Nazionale per l'Edilizia Scolastica e responsabile del gruppo di lavoro per la elaborazione di norme tecniche di indirizzo sempre per la edilizia scolastica, consulente esperto per l’Osservatorio centrale dei Lavori Pubblici e coordinatore del gruppo di definizione dei costi standardizzati per l’edilizia Ospedaliera per l’Autorità di Vigilanza dei LL.PP. È stato Presidente della commissione MIUR per l’attuazione degli interventi di edilizia residenziale universitaria ai sensi della legge 338/2000 e responsabile del gruppo di lavoro per la gestione e il monitoraggio. È stato consulente del MIUR e del Ministero della Salute e membro del Public Health Group dell'International Union of Architects.
La sua professionalità si è sviluppata nel Centro Studi Progettazione Edilizia di cui è stato socio fondatore con Paolo Felli e Antonio Andreucci, con i quali ha progettato ospedali che hanno ricevuto riconoscimenti in ambito internazionale, tre cui in particolare l’Ospedale Pediatrico Meyer a Firenze.
Figura di spicco in importanti eventi congressuali, è stato autore di numerose pubblicazioni, fra cui si ricordano: L'umanizzazione degli spazi di cura (Tesis 2012), Le nuove dimensioni strategiche dell’ospedale di eccellenza, (Polistampa 2011), The culture for the future of healthcare architecture (Alinea 2009), La politica edilizia dell’Ateneo fiorentino (Pontecorboli 2009), Lo stress ambientale nel progetto dell’ospedale pediatrico (Motta 2006).
Romano Del Nord ha sempre riservato una particolare attenzione all’impegno accademico insegnando a tutti i livelli della formazione e coprendo ruoli istituzionali: primo Direttore nel 1983 del Dipartimento di area tecnologica dell’architettura, dal 1991 Direttore del Centro interuniversitario di ricerca per l’edilizia socio-sanitaria TESIS, Prorettore all’edilizia nell’Ateneo fiorentino dal 2000 al 2009.
La comunità scientifica gli ha da molti anni riconosciuto un ruolo di maestro e fondatore di una scuola di pensiero, basata sulla visione sistemica delle regole che governano i processi nel settore delle costruzioni, con particolare attenzione alla rispondenza agli obiettivi programmatici, alla qualità del progetto, alla fattibilità tecnico-economica degli interventi. Nel campo dell’approccio esigenziale prestazionale il suo contributo innovativo è stato fondamentale in particolare nelle applicazioni al settore sociale e sanitario con la messa a punto di metodi di analisi e valutazione dei progetti.
Di temperamento riservato ma sempre disponibile all'ascolto, capace di visione strategica e dotato di un grande senso delle istituzioni, Romano Del Nord ha contribuito alla evoluzione delle discipline tecnologiche con un pensiero originale e costruttivo nella continuità con i fondamenti scientifici della sua comunità.

Web Managing Board | Regolamento | Mappa del Sito | © SITdA Societa' Italiana della Tecnologia dell'Architettura | dArTe, Salita Melissari, 89124 Reggio Calabria ITALY